Presentazione

CHI SIAMO?

L’Istituto Superiore di Scienze Religiose dell’Emilia (ISSRE), promosso dalle Diocesi di Modena-Nonantola, Carpi, Reggio Emilia-Guastalla, Parma, Fidenza e Piacenza-Bobbio, è un’istituzione accademica ecclesiastica, eretta ai sensi del can. 821 del Codice di Diritto Canonico dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica.

L’ISSRE è collegato alla Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna.

L’ISSRE ha sede legale in Modena, in strada Formigina 319 e sede operativa in corso Canalchiaro 149. Al fine di non limitare la possibilità di formazione accademica a chi risieda in luoghi distanti dalla sede, l’ISSR si articola in un polo formativo a distanza (FAD) situato a Parma, in viale Solferino 25.

QUANDO?

Le lezioni si svolgono il martedì, il mercoledì e il venerdì dalle ore 17 alle ore 21.55. Nella giornata del martedì le lezioni si svolgono a Modena.

Nelle giornate del mercoledì e del venerdì le lezioni avvengono con doppia docenza su Modena e Parma o  in modalità FAD (Formazione sincrona a distanza), con un docente in presenza su Modena o Parma e con un tutor didattico nella sede dove non c’è il docente.

La frequenza è obbligatoria per i 2/3 del monte ore di ogni singolo corso. La mancata frequenza preclude l’ammissione agli esami.

COME?

Il primo ciclo ha la durata di tre anni di studio, per un totale di 180 crediti ECTS e conferisce il grado accademico di “Baccalaureato in Scienze religiose” (Laurea); il secondo ciclo ha la durata di due anni di studio, per un totale di 120 crediti ECTS e conferisce il grado accademico di “Licenza o Laurea magistrale in Scienze religiose”.

Sia per il Percorso di Laurea Triennale che per quello di Laurea Magistrale i corsi sono suddivisi in Fondamentali e Complementari e ordinati in specifiche aree disciplinari.

  • Le aree disciplinari per il Piano di Studi del Triennio sono:
    • Area Biblica (BIBL)
    • Area Teologia Sistematica e spirituale (SISP)
    • Area Teologia Morale e Diritto (MODI)
    • Area Filosofia e Scienze Umane (FISU)
    • Area Discipline Storiche (DIST)
  • Le aree disciplinari per il Piano di Studi del Biennio sono:
    • Area Pedagogica e Didattica (PEDI)
    • Area Antropologia, cultura e arte cristiana (ACAC)
    • Area Dialogo con il mondo e le Religioni (DIRE)

In entrambi i Percorsi, al fine di garantire allo studente la completezza della formazione, è previsto un numero minimo di ECTS da raggiungere per ogni area.

La conclusione del triennio di studi avviene sostenendo l’esame di Laurea che include la discussione della tesi e l’esame finale di sintesi. L’esame finale di sintesi consta nel commento a carattere interdisciplinare, da parte del candidato, di un apposito tema, sorteggiato da uno specifico “Tesario per l’esame finale”. Tale esame serve a dimostrare la capacità di sviluppare le tematiche teologiche in base alle conoscenze acquisite nel triennio.

La conclusione del biennio specialistico di studi, dopo aver già frequentato e concluso il triennio, avviene espletando l’attività di Tirocinio (120 ore di tirocinio diretto, 40 ore di tirocinio indiretto e  le restanti ore di lavoro personale dello studente, compresa la stesura di una relazione finale) e sostenendo l’esame di Laurea Magistrale in Scienze Religiose, che include la discussione della tesi: il candidato deve mostrare la competenza maturata nel campo di specializzazione pedagogico-didattico.

Piano di Studi:

A QUALE SCOPO?

L’ISSRE è al servizio della vita ecclesiale, avendo come fine la formazione alle scienze religiose di operatori qualificati della vita ecclesiale e pastorale, con particolare attenzione al versante dell’evangelizzazione, dell’inculturazione della fede, dell’insegnamento della religione cattolica, dell’animazione cristiana della società, nell’ambito della missione propria della Chiesa.

Per accedere all’insegnamento della Religione Cattolica nella scuola pubblica italiana occorre possedere la Laurea magistrale in Scienze religiose e l’idoneità rilasciata dall’Ordinario Diocesano della Diocesi nella quale si intende insegnare.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn